S.I.L.Po.L.

Sindacato Italiano Lavoratori Polizia Locale

I^ Commissione Affari Costituzionali

Resoconto della seduta del 7 febbraio 2001


La seduta, sospesa alle 16.30, è ripresa alle 16.50.

Ordinamento della polizia locale.
Testo unificato C. 1118 Landolfi, C. 1644 Negri, C. 3219, C. 3220, C. 3221, C. 3222 e C. 3223 iniziativa popolare, C. 3444 Gambale, C. 3663 Poli Bortone, C. 3962 Ascierto, C. 4211 Mantovano, C. 4283 Soro, C. 4653 Folena e C. 4739 Buontempo.
(Seguito dell'esame e rinvio).

La Commissione prosegue l'esame, rinviato il 17 gennaio 2001.

Rosa JERVOLINO RUSSO, presidente, avverte che il relatore ha presentato ulteriori emendamenti.

Luigi MASSA (DS-U), relatore, illustra il contenuto degli emendamenti presentati, volti a recepire alcuni rilievi espressi dalle Commissioni competenti, nonché ad introdurre taluni correzione di carattere tecnico-formale.
L'emendamento 1.520, recependo un rilievo della Commissione bilancio circa l'opportunità di non fare riferimento alla istituzione di corpi di polizia locale da cui potrebbe derivare un incremento degli oneri finanziari, è volto a sostituire al comma 2 dell'articolo 1 la locuzione «Qualora siano istituiti corpi di polizia locale, comandati da personale idoneo ai sensi dell'articolo 4, comma 7, essi» con le parole «Le strutture di polizia locale». Dello stesso tenore sono le modifiche introdotte nei successivi articoli attraverso la presentazione degli emendamenti 3.520, 4.523, 4.525, 7.520, 7.521, 7.522, 7.523 e 7.524. L'emendamento 1.520 propone la sostituzione dei commi 3, 3-bis e 4.
Con riferimento all'articolo 2, l'emendamento 2.520 è volto ad aggiungere in fondo alla lettera c) del comma 1 la previsione secondo cui è attribuita la qualifica di agente di pubblica sicurezza per l'esercizio di funzioni di pubblica sicurezza al fine di collaborare nell'ambito delle attività di cui all'articolo 1, comma 1, lettera b), con le forze della polizia dello Stato.
In merito all'articolo 3, con l'emendamento 3.521 si recepisce una richiesta unanimamente avanzata dalle organizzazioni sindacali nel senso di fare esclusivo riferimento all'articolo 57 del codice di procedura penale, in quanto il richiamo dei commi 2 e 3 potrebbe porre rilevanti problemi interpretativi. L'emendamento 3.522 tende conseguentemente a sopprimere la lettera b) dello stesso comma 1, mentre l'emendamento 3.523 prevede la soppressione dei commi 2 e 3, le cui previsioni sono state riferite all'articolo 1, e l'emendamento 3.524 è volto a sostituire la rubrica dell'articolo.
All'articolo 4, l'emendamento 4.520, sostituendo il comma 1, ne propone una diversa formulazione, recependo taluni rilievi espressi sull'opportunità di prevedere che le prove psico-attitudinali siano svolte prima dello svolgimento del corso di formazione previsto, mentre l'emendamento 4.521 sostituisce le parole «alla funzione di agente od ufficiale di pubblica sicurezza» con le parole «alle funzioni di pubblica sicurezza e di polizia giudiziaria»; dello stesso tenore risultano gli emendamenti 4.522 e 4.523. L'emendamento 4.524 è volto ad attribuire alla regione la competenza normativa sulla idoneità allo svolgimento dell'attività di comando attraverso una diversa formulazione del comma 7; in tal modo si è voluto procedere lungo la linea di una maggiore autonomia regionale, accogliendo un rilievo espresso dalla Commissione bilancio, la quale per altro verso ha evidenziato rilievi sulla quantificazione degli oneri derivanti dall'organizzazione e dall'espletamento dei corsi di formazione; ritiene in particolare che tali rilievi non siano fondati dal momento che i corsi di formazione sono già previsti dalla legge.
Relativamente all'articolo 5, l'emendamento 5.520 sostituisce il comma 3 proponendo una formulazione più chiara del testo, mentre in merito all'articolo 6, l'emendamento 6.520, recependo un rilievo espresso dalla Commissione bilancio, tende a sostituire le parole «indennità di pubblica sicurezza» e «indennità locale di pubblica sicurezza» con l'espressione «indennità di polizia locale».
Infine, l'emendamento 7.524 introduce al comma 4-bis la più corretta dizione «dipartimento dei trasporti terrestri» introdotta nel nuovo codice della strada.
Precisa di non aver recepito il rilievo contenuto nella condizione della IV Commissione, secondo cui occorre riformulare il comma 2 dell'articolo 5 in termini di delega legislativa al Governo, in quanto si tratta di materia regolamentare che non può essere disciplinata con atto legislativo. Viceversa, sono state recepite in larga parte le osservazioni espresse dalla IX Commissione, la quale invitava a rafforzare la professionalità degli agenti di polizia municipale.
Quanto al parere della Commissione finanze, ritiene di non dover specificare che nell'ambito delle funzioni demandate in via esclusiva alla polizia locale non sono comprese quelle in materia tributaria, così come considera non accoglibile l'osservazione della XI Commissione, secondo cui appare opportuno rinviare a un momento successivo alla verifica della legislazione previdenziale, prevista per il 2001, l'estensione agli agenti di polizia locale delle disposizioni di cui al decreto legislativo 30 aprile 1997, n. 165 destinate a categorie di personale non contrattualizzato.
Si sofferma, infine, sul parere espresso dalla V Commissione, osservando come i corsi di formazione di cui ai commi 1, 6 e 7 sono previsti dalla legge n. 65 del 1988, per cui i relativi oneri rientrano in quelli attualmente sostenuti dai comuni e dalle regioni. Con riferimento all'osservazione riguardante l'articolo 6 del provvedimento, precisa di aver fatto pervenire in via informale alla Commissione bilancio una documentazione precisa da cui risulta la stima della maggiore spesa previdenziale derivante dalle disposizioni contenute nel provvedimento ed emerge in particolare l'adeguatezza dell'accantonamento di 5 miliardi previsto con la legge finanziaria per il 2001. Quanto alla richiesta di una quantificazione e di una copertura degli oneri derivanti dalla previsione della corresponsione di un'indennità di pubblica sicurezza pensionabile, rileva che questa non comporta ulteriori oneri, dovendosi ritenere corrispondente all'indennità attualmente già prevista, e della quale muta solo la dizione in merito alla previsione di una nuova tariffa per l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro, rileva che l'incremento di spesa potrà essere determinato soltanto dopo che il Governo avrà definito con esattezza i valori cui fare riferimento, il Ministero dell'interno nella sua relazione tecnica aveva espresso una valutazione intorno a 1,5 miliardi e quindi ricompresa negli stanziamenti previsti.
Considera, altresì, inopportuno inserire all'articolo 16 della legge n. 121 del 1981 l'espressione «anche in materia di trattamento economico», in quanto tale disposizione non sarebbe coerente con la natura ordinamentale di tale legge. Ritiene parimenti di non accogliere la condizione riguardante la soppressione del comma 4 dell'articolo 7 e a questo proposito ricorda che la Corte costituzionale con sentenza 17 ottobre 2000, n. 426, ha stabilito la possibilità di utilizzare quota dei proventi delle sanzioni amministrative destinate allo Stato per finalità di cui è beneficiario il personale della polizia comunale.

Giacomo GARRA (FI), nel dichiarare la propria astensione, si riserva di presentare emendamenti nelle successive fasi di esame del provvedimento.

La Commissione approva gli emendamenti del relatore 1.520, 1.521, 2.520, 3.520, 3.521, 3.522, 3.523, 3.524, 4.520, 4.521, 4.522, 4.523, 4.524, 4.525, 5.520, 6.520, 7.520, 7.521, 7.522, 7.523 e 7.524.
La Commissione delibera di dare mandato al relatore Massa a riferire favorevolmente all'Assemblea sul testo da essa predisposto.
  

ALLEGATO

Legge quadro sull'ordinamento della polizia locale a struttura regionale (C. 3962 abb.).

EMENDAMENTI

ART. 1.

Al comma 2, sostituire le parole: Qualora siano sino ad: essi con le seguenti: Le strutture di polizia locale.
1. 520. Il Relatore.

Sostituire i commi 3, 3-bis e 4 con il seguente:
«3. Nel rispetto del principio di separazione tra funzioni di indirizzo politico-amministrativo e funzioni attinenti alla gestione operativa, i comandanti delle strutture di polizia locale dipendono unicamente dal Sindaco, dal Presidente della Provincia o dall'assessore da questi delegato per le attività di cui all'articolo 1, comma 2, con l'eccezione delle funzioni di polizia giudiziaria».
1. 521. Il Relatore.

ART. 2.

Al comma 1, lettera c) aggiungere, in fondo, il seguente periodo:
«A tal fine è attribuita la qualifica di agente di pubblica sicurezza».
2. 520. Il Relatore.

ART. 3.

Al comma 1, sostituire le parole: del corpo con le seguenti: della struttura.
3. 520. Il Relatore.

Al comma 1, lettera a), sopprimere le parole: , comma 2, lettera b), per i primi e comma 3, riguardo ai secondi.
3. 521. Il Relatore.

Al comma 1, sopprimere la lettera b).
3. 522. Il Relatore.

Sopprimere i commi 2 e 3.
3. 523. Il Relatore.

Sostituire la rubrica con la seguente:
«Attribuzioni ulteriori in materia di funzioni di polizia giudiziaria».
3. 524. Il Relatore.

ART. 4.

Sostituire il comma 1 con il seguente:
«1. L'attribuzione della qualifica di agente di pubblica sicurezza è conferita dal Prefetto. Essa è subordinata al superamento di un esame di idoneità al termine di un corso di formazione teorica e pratica, istituito e organizzato a livello locale, regionale o interregionale secondo la modalità prevista dalla normativa regionale, valido per l'intero territorio nazionale e al superamento di una prova psico-attitudinale».
4. 520. Il Relatore.

Al comma 3, sostituire le parole: alla funzione di agente od ufficiale di pubblica sicurezza con le seguenti: alle funzioni di pubblica sicurezza e di polizia giudiziaria.
4. 521. Il Relatore.

Al comma 4, alinea, sostituire le parole: La qualifica di operatore locale di pubblica sicurezza non può essere attribuita con le seguenti: Le qualifiche connesse alle funzioni di polizia locale non possono essere attribuite a.
4. 522.Il Relatore.

Al comma 5, alinea, sostituire le parole: I componenti i corpi di polizia locale in possesso della qualifica di agente o ufficiale di pubblica sicurezza con le seguenti: I componenti delle strutture di polizia locale.
4. 523.Il Relatore.

Sostituire il comma 7 con il seguente:
7. Lo svolgimento dell'attività di comando è subordinata al possesso dell'idoneità ottenuta al termine di un apposito corso di formazione organizzato, secondo quanto stabilito dalla normativa anche a livello regionale o interregionale, in cui sono state inserite le materie obbligatoriamente previste dal regolamento ministeriale di cui al comma 2, valevole per l'intero territorio nazionale. La legge regionale individua le figure professionali abilitate al comando in sede di prima applicazione della presente legge.
4. 524.Il Relatore.

Nella rubrica, sostituire le parole: i corpi con le seguenti: le strutture.
4. 525.Il Relatore.

ART. 5.

Sostituire il comma 3 con il seguente:
3. Il personale porta senza licenza le armi in dotazione in via continuativa qualora il regolamento locale ne preveda l'impiego.
5. 520.Il Relatore.

ART. 6.

Al comma 3, sostituire le parole: indennità di pubblica sicurezza e indennità locale di pubblica sicurezza con le seguenti: indennità di polizia locale.
6. 520.Il Relatore.

ART. 7.

Al comma 1, sostituire le parole: i corpi con le seguenti: le strutture.
7. 520.Il Relatore.

Al comma 3, sostituire le parole: dei corpi con le seguenti: delle strutture.
7. 522.Il Relatore.

Al comma 4, sostituire le parole: dei corpi con le seguenti: delle strutture.
7. 523.Il Relatore.

Al comma 4-bis, sostituire le parole: direzione generale della motorizzazione civile con le seguenti: dipartimento dei trasporti terrestri.
7. 524.Il Relatore.

gi

[ Home ]                                                                 [ Gli atti sulla riforma della legge 65/86 ]