AL PRESIDENTE DELLA REGIONE SICILIANA
ON. NELLO MUSUMECI
PALERMO

 pdf legg articono in pdf


LA POLIZIA LOCALE SICILIANA ESISTE ED E' PRESENTE


Onorevole Presidente, come Ella ben sa, l'attuale fase emergenziale che sta attraversando il nostro Paese, e la nostra Sicilia con esso, al tempo della pandemia da Coronavirus COVID 19, ha comportato l'adozione di misure straordinarie ed urgenti che stanno mettendo a dura prova la tenuta di tutto il sistema Italia, da quello politico - istituzionale a quello sanitario e di sicurezza, da quello produttivo a quello della solidarietà.
In particolare, nel settore Sicurezza i governi nazionale e locali (Regione e Comuni) hanno chiamato a raccolta tutti gli organi di polizia di qualsiasi ordinamento, statale e locale.
La Polizia Locale siciliana si è già distinta in tale contesto per presenza, impegno, abnegazione e spirito di sacrificio almeno pari a quello delle cosiddette “forze di polizia dello Stato” senza nulla a pretendere se non presidi di sicurezza e DPI e pari dignità, e senza lamentele con grande senso di responsabilità e solidarietà con tutti gli altri attori in scena.


Abbiamo, comunque, registrato in molti dei provvedimenti sin qui emanati scarsa considerazione del ruolo, aldilà delle mere dichiarazioni di circostanza, e scarsa attenzione per la condizione di precarietà generale in cui versano molti Corpi e Servizi di Polizia Locale dell'isola.
Ci siamo più volte, e con forza, rivolti alla Sua onorevole persona chiedendo tutele ed il Suo autorevole intervento presso i Prefetti ed i Sindaci della Sicilia affinchè non ci si dimenticasse della Polizia Locale, e non venisse considerata soltanto una delle pedine da muovere a piacimento nello scacchiere degli interventi emergenziali. Abbiamo registrato con delusione e disappunto la totale assenza nelle sue dichiarazioni, nei suoi provvedimenti ed interventi di questi giorni difficili, di riferimenti al prezioso ed imprescindibile lavoro che la Polizia Locale sta portando avanti, pur nelle difficoltà generali e proprie, e di conseguenti premesse di riconoscimento e valorizzazione anche nei prossimi interventi legislativi di riforma della l.r. 17/90 tanto fortemente voluta dalla categoria e da noi risolutamente richiesta ed auspicata in tutte le sedi istituzionali regionali in cui ve ne è stata occasione. Una riforma ormai indifferibile ed improcrastinabile per mantenere in vita una efficiente e capillare azione della Regione e dei Comuni in materia di sicurezza e controllo del territorio che consideri centrale il ruolo della Polizia Locale attribuendole un ordinamento nuovo, più dinamico e confacente alle mutate ed accresciute esigenze del popolo siciliano. Plaudiamo, comunque, in questa direzione al Suo recente richiamo alle Sue prerogative di Presidente della Regione Sicilia previste dall'art. 31 dello Statuto: era l'ora come le abbiamo sempre
rappresentato e sostenuto in sede di presentazione della nostra proposta di disegno di legge di modifica della l.r. 17/90.
Con la stessa forza oggi ribadiamo ciò che è sempre stato sotto gli occhi di tutti, ed oggi più che mai: da qualsiasi parte vorrà andare in materia di sicurezza non potrà farlo senza la Polizia Locale siciliana, il suo radicamento nel territorio, i suoi uomini e le sue donne, che oggi servono orgogliosamente i propri Comuni e le proprie comunità locali con dignità, competenza e professionalità ed in prima fila mettendo a rischio anche la propria salute ed incolumità fisica.
Il SILPOL sarà sempre al loro fianco e lavorerà, come ha sempre fatto, per loro. 

Il Segretario Regionale
Dott. Massimo Mastrosimone